Quale futuro ci aspetta?Bilancio Hellas: La B si chiude con una perdita di 217 migliaia di euro#trasparenzaGiallobluLettera aperta #trasparenzagiallobluSabato 17 dicembre presentazione libro sui tifosi SampdoriaCastagnata Gialloblu - Festa tesseramentoAC VERONA HELLAS SUPPORTERS TRUST le squadre 2016/2017Corso di pittura e disegno24-25 settembre a Verona la 3ª assemblea generale di Supporters in CampoLe partite dellLe squadre AC VERONA HELLAS SUPPORTERS TRUSTGrande successo per la “Sena con El Bifido”!!!A sena con... EL BIFIDO!!!Serata degustazione al “Circolo Gialloblù”Verona col cuore presenta: VerapuliaPolenta, sughi e paella alla ValencianaVenerdì 19 febbraio 2016, polenta, sughi e paella alla ValencianaCarne salà e fasoi imbogonèLe Havre, quando la tradizione è tuttoINAUGURAZIONE DELLA NUOVA SEDE SOCIALECalcio popolare, i tifosi si riprendono il palloneQuando il tifoso siede dietro a una scrivaniaAdesione a “Supporters in Campo” da parte del supporters trust “SoloXlAscoli”“Giocare senza tifosi è come danzare senza musica”Il presidente Ultras dell


HELLAS VERONA E BILANCI: QUALE FUTURO?

13/04/2015 - Conti Hellas, promossi, ma con delle criticità. Il giudizio positivo va però contestualizzato nell'ambito del mondo del calcio...

Vi consigliamo questo articolo dei ragazzi di HELLASTORY.net riguardante i dati di bilancio e le previsioni per il futuro.

L'articolo molto accurato, dettagliato ed obiettivo ci fa capire quali sono le prospettive future senza false illusioni e toni trionfali;ma mettendo in evidenza quali sono le difficoltà che la società dovrà affrontare in futuro.


CONTI HELLAS: PROMOSSI MA CON DELLE CRITICITA': Il bilancio 2014 del Verona si è chiuso in maniera soddisfacente, come commentato in un nostro precedente articolo dello scorso novembre.
Il giudizio positivo va però contestualizzato nell'ambito del mondo del calcio: come dimostra un recente articolo apparso sul sito www.tifosobilanciato.it, il Verona è effettivamente una delle società più virtuose della Serie A. Ciò non significa che non manchino, nei conti dell'Hellas, alcune criticità e, d'altro canto, casi come quello del Parma, dimostrano come nel giro di pochissimi anni, la situazione economica di una società calcistica possa deteriorarsi irrimediabilmente, senza la dovuta attenzione e prudenza. Procedendo per sintesi, il bilancio 2014 gialloblu evidenziava come punti particolarmente positivi:

  • il risultato d'esercizio chiuso con un buon utile e con un conseguente aumento del patrimonio netto;
  • il basso livello di indebitamento bancario;
  • la modesta valorizzazione del parco giocatori (segno dell'assenza di politiche volte a “gonfiare” i prezzi dei calciatori, attraverso la realizzazione di scambi a valorizzazioni fittizie), che si traduce in un importo relativamente ridotto degli ammortamenti che andranno a gravare sui prossimi esercizi e, potenzialmente, in un maggiore spazio per realizzare future plusvalenze;
  • guardando ad un aspetto più tecnico, lo scarico delle differite attive (stanziate sulle perdite dei precedenti esercizi), reso possibile dall'abbondante utile ante-imposte del 2014.

Il bilancio metteva in luce però anche alcune criticità:

  • una patrimonializzazione ancora troppo bassa, che renderebbe particolarmente problematiche eventuali perdite future di un certo rilievo, posto che Setti non ha risorse personali che permettano di intervenire, se non per cifre limitate, a copertura dell'eventuale “buco” che si verrebbe a determinare. Ciò impone una gestione che deve essere particolarmente prudente ed attenta, con un margine ridotto di assunzione di rischi significativi;
  • l'elevato indebitamento complessivo, se rapportato al basso valore del patrimonio netto;
  • i rischi connessi all'operazione di cessione del marchio;
  • una redditività della gestione “normale” ancora insufficiente.

Vediamo in particolare di approfondire questi ultimi due aspetti, perché ci permetteranno di fare alcune interessanti considerazioni prospettiche.


UN FUTURO MARCHIATO: L'operazione di cessione del marchio non è una novità nel mondo del calcio, ed in passato è stata operata anche da società che si sono rilevate tutt'altro che virtuose (vedi in particolare i casi del Siena e del Parma). Essa permette di rilevare nell'esercizio in cui avviene la cessione una plusvalenza data dalla differenza tra il valore di vendita e l'importo a cui il marchio era precedentemente valorizzato in bilancio. In genere nel mondo calcistico la cessione del marchio avviene nei confronti di una parte correlata, ossia di una società imparentata con la cedente. E' il caso anche del Verona, che ha venduto il proprio marchio alla Hellas Verona Marketing & Communication Srl (d'ora in poi “HV M&C”), società costituita nel 2013 controllata al 100% dalla HV7 Srl, ossia la holding di Setti che controlla anche l'Hellas Verona. Anche in virtù del fatto che si tratta di una transazione tra parti correlate, in passato è accaduto (è il caso di Siena e Parma) che la cessione del marchio sia avvenuta a prezzi superiori rispetto a quelli di mercato. Se la valutazione del marchio è “gonfiata” a farne le spese è in primis la società che lo acquista, che si troverà negli esercizi futuri gravata di un significativo valore degli ammortamenti connessi al marchio (il valore del marchio si “scarica” infatti come costo a quote costanti in un periodo massimo di 20 anni). La società acquirente dovrà così essere in grado di generare ricavi sufficienti a coprire non solo i costi di gestione, ma anche gli ammortamenti del marchio, se non vorrà incorrere in perdite e costringere così la controllante ad immettere nuovo denaro e/o a fallire (con tutte le conseguenze del caso)...

Articolo e servizio completo su:

http://www.hellastory.net/verona/speciale-hellas_verona_bilanci/